Tu sei qui
Gli sport

20 anni è una vita in cricket - di Clarence Hiles

20 anni è una vita in cricket - di Clarence Hiles
GEN 31, 2017 @ 12.51

Adattato dalla rivista Sporting Barbados - http://www.sportingbarbados.com/

C'è stato un tempo in cui il cricket era invincibile e in tutto il mondo i grandi giocatori erano nomi familiari. Erano leggende ovunque e tutti conoscevano Sir Garfield Sobers, 3Ws- Weekes, Worrell e Walcott, tutti cavalieri, Sir Conrad Hunte, Sir Wes Hall, Charlie Griffith, Joel Garner, Malcolm Marshall, Gordon Greenidge e Desmond Haynes.

Ma la brillantezza sbiadita con i ricordi e gli anni Novanta si è dimostrata malamente cambiata dopo un'era di eccezionale grandezza. Purtroppo, il peso delle aspettative ha visto un'enorme delusione. Ci aspettavamo un'altra epoca di supremazia del Test, ma il gioco è stato indottrinato da limitati overs e inevitabilmente da 20 over cricket. Forse l'ironia è che il cricket dell'India Occidentale ora è più adatto a giocare partite più brevi e questo nuovo stile di gioco!

I tempi sono cambiati. 20 anni sono una vita nel cricket.


Il test di cricket ha sofferto dolorosamente con solo l'Esercito Barmy che viaggia verso le nostre coste per supportare la loro squadra in moltissimi numeri, ma il cricket Twenty20 e ODI ancora una volta porta speranza ed è pieno di promesse per riportare l'entusiasmo per questo magnifico gioco. Naturalmente, abbiamo bisogno che i migliori artisti partecipino mentre attirano la folla, ma per qualsiasi motivo la gerarchia non sembra averla. Test di cricket potrebbe non essere così popolare ma ha un posto. È la versione gourmet del gioco. Entrambi i codici possono funzionare insieme se le squadre vengono selezionate in base ai loro punti di forza. Molti giocatori multi-milionari si comportano bene e operano su questa dieta più corta, ma sicuramente i selezionatori di cricket delle Indie occidentali possono ingoiare il loro orgoglio e andare avanti con l'attività di selezionare i migliori giocatori al più alto livello?



L'anno scorso abbiamo mostrato ciò di cui c'era bisogno in un periodo in cui il cricket era invincibile e in tutto il mondo i grandi giocatori erano nomi familiari. Erano leggende ovunque e tutti sapevano di Sir Garfield Sobers, 3Ws- Weekes, Worrell e Walcott, tutti cavalieri, Sir Conrad Hunte, Sir Wes Hall, Charlie Griffith, Joel Garner, Malcolm Marshall, Gordon Greenidge e Desmond Haynes quando il Twenty20 World La Coppa si è svolta all'Eden Gardens, a Kolkata, in India. E 'stata una performance eccezionale e Barbados Carlos Brathwaite era sotto i riflettori. La sua battuta inarrestabile senza battere ha colpito quattro sei contro Ben Stokes, Inghilterra, con solo due palle da finire. Le celebrazioni sono state incredibili e non dimentichiamo il team di donne indiane che erano anche in prima linea. Sono venuti sul campo in vena celebrativa con i loro colleghi che avevano battuto con successo l'Australia nella partita precedente con i Barbados Hayley Matthews e Deandra Dottin che giocavano ruoli fondamentali. C'erano sette giocatori Barbados al campionato.

Queste coraggiose donne dell'Ovest indiano non avevano mai vinto prima del 2016, anche se la squadra maschile sotto Darren Sammy ha vinto il trofeo del 2012 contro lo Sri Lanka.

Questa euforia dimostrò che l'interesse era nel cricket più corto. In contrasto con le tribune vuote al Test Cricket, giochi come la CPL (Caribbean Premier League) e le partite internazionali ODI hanno un forte sostegno e attirano la folla. Come destinazione turistica, questo è ciò di cui abbiamo bisogno. Cricket ODI e coppe del mondo hanno goduto di una rinascita in popolarità e il governo e BCA (Barbados Cricket Association) hanno svolto ruoli importanti sull'isola.

Il Kensington Oval è stato ristrutturato e modernizzato per mettere in scena la finale della Coppa del Mondo ODI nel 2007 e la Coppa del Mondo femminile Twenty20 nel 2010, quando l'Australia ha battuto la Nuova Zelanda in un thriller a 3 tiri. Il Kensington Oval si classifica come uno dei migliori nei Caraibi e in tutto il mondo. Rifacendo la Mecca è stata una pietra miliare importante nella storia del cricket delle Barbados con l'istituzione di un campo da cricket ora degno dello status internazionale. La sede ha strutture eccellenti e sono stati conservati i titoli degli stand che ricordano i giorni di eccezionali spettacoli e un impressionante Media Center. Non è da escludere che la riqualificazione dell'Ovale 3W presso l'Università delle Indie Occidentali sia anche una risorsa eccellente e molti team di tour utilizzano questa struttura. Il cricket delle Indie Occidentali non può raggiungere l'antico splendore di un tempo, ma i codici più recenti moderni stanno lavorando per una rinascita in popolarità da giorni antichi! Barbados è sicuramente il posto dove venire per farti divertire con il cricket!





Intervista con Hendy Wallace

Hendy Wallace, ex giocatore di cricket e Chairman of the Selectors for Barbados condivide alcuni dei suoi ricordi negli ultimi 20 anni ...

1 Dove eri nel 1997?

Nel 1997 stavo giocando il mio 14 ° e all'insaputa di me, la mia ultima stagione con Eglinton in Irlanda del Nord. I regolamenti sui permessi di lavoro stavano per cambiare per i quali non sarei più ammissibile. Le prossime 7 stagioni che ho suonato a Dublino mi hanno fornito una nuova, tanto necessaria nuova sfida per la mia carriera ".

2 Devi aver vissuto un importante cambiamento culturale dalle splendide Barbados per passare a un clima freddo e umido. Quali sono stati i tuoi primi pensieri nei primi anni Ottanta?

Dopo essermi convinto che gli scout con cui ero stato in contatto negli ultimi sei mesi erano davvero seri nel giocare a cricket in Irlanda del Nord, c'era un livello di eccitazione. Ero totalmente all'oscuro della cultura del cricketing in Irlanda del Nord e sebbene sospettassi che il tempo sarebbe stato diverso, certamente non mi aspettavo quello che alla fine ho vissuto. Da una prospettiva cricket ho capito che lo standard del cricket era molto più alto di quanto mi aspettassi.

3 All'epoca l'Irlanda del Nord soffrì un orrendo settarismo etichettato come "guai". Come hai accettato in questa comunità?

Sono stato ben accolto e ho beneficiato del fatto che il mio club Eglinton era misto, quindi la religione non era un punto focale. Ciò, unito al fatto che ho insegnato sia nelle scuole protestanti che in quelle cattoliche del villaggio, mi ha aiutato ad adattarmi, permettendomi così di avere un'idea di come entrambe le parti si sentivano riguardo ai "problemi".

4 Hai dato un contributo importante al cricket ovunque. Quali sono i risultati più memorabili?

Non sono sicuro che ci sia stato un risultato che spicca, ma colpire sette e sei in un periodo in Irlanda del Nord è stato unico. Quindi tornare in Barbados quell'anno e giocare per il mio club Pickwick in un incantesimo di 7 wickets per nessuna corsa nel prendere 9 wicket negli innings sarebbe stato speciale. In prima istanza ero in perdita, ma abbiamo vinto l'incontro alle Barbados.

5 Qualche rimpianto?

Non ho rimpianti nella vita, ma direi che sono rimasto deluso quando non sono stato selezionato per le Indie Occidentali sotto i 19 anni per girare l'Inghilterra nel 1982 dopo essere stato votato come MVP del torneo regionale che è stato utilizzato per scegliere la squadra. Giocatori come Courtney Walsh, Roger Harper e Phil Simmons erano in quella squadra e hanno giocato a Senior Level, quindi chissà cosa avrei potuto ottenere.

6 Dopo 20 anni devi aver riflettuto sulla fine dei tuoi viaggi sportivi. Quando e perché hai preso questa decisione?

La mia esperienza in Irlanda del Nord si è conclusa a causa del cambiamento dei regolamenti sul permesso di lavoro dopo 14 anni con Eglinton. Poi un giorno, mentre lavoravo al Sandpiper, ricevetti una telefonata da Leinster a Dublino, che mi invitava a suonare per loro poiché i regolamenti erano diversi nella Repubblica d'Irlanda e il viaggio continuò. Dopo una prima stagione di grande successo, vincendo 2 trofei con Leinster, ho scelto un infortunio nel secondo anno che richiedeva un intervento chirurgico e non ho avuto l'impressione che il club fosse molto favorevole durante quel periodo. Così ho deciso di non tornare ei tre anni seguenti, ho trascorso con Phoenix e ancora una volta ho vinto un paio di trofei prima di tornare a Leinster per altri 2 anni solo con una capacità di coaching. Quando è arrivato sul palco, ho desiderato che piovesse o nevicasse ogni volta che aprivo le tende, mi diceva che ero pronto a chiamare il tempo su questo aspetto della mia carriera.

7 Dove ti sei sempre collegato negli anni con il Pickwick Cricket Club?

Sì dal momento in cui ho lasciato la scuola sono stato associato al Pickwick Club fino ad oggi.

8 È stata una grande delusione vedere la fine del club come Kensington Oval?

Sicuramente è stato come credo fosse un privilegio chiamare sede internazionale così storica, a casa. Per un club, giocare a cricket una settimana alla settimana in un luogo del genere con quelle che all'epoca erano strutture migliori di qualsiasi altro club locale, rendeva il Pickwick Club un club piuttosto illustre.

9 La rinascita dell'Oval è stata considerata un grande stadio e una grande spinta per il cricket delle Barbados?

Cosa significava per il cricket locale? E 'stato visto come una spinta in termini di definizione degli standard per la regione e direi che è stato raggiunto. Tuttavia, credo che il cricket locale abbia sofferto perché improvvisamente CRICKET 7 1 / SPORTINGBARBADOS 2 0 1 6/2 0 YEARs è diventato fuori dal giro per il club cricket, ma per fortuna questa tendenza è stata ora affrontata in qualche modo.

10 Dopo aver giocato a cricket, hai iniziato a fare carriera nelle trasmissioni e sei diventato un commentatore radiotelevisivo. Dove sono le opportunità limitate nel cricket e dove hai deluso per non essere coinvolto?

Mi sono ritirato dal giocare a cricket nel 2004 e in realtà ho iniziato a commentare nel 2002. Ho iniziato a commentare un semplice incidente in una partita di club quando mi è stato chiesto di condividere le mie opinioni sulla radio locale sullo stato della partita. La radio locale mi ha quindi invitato a provare un gioco regionale e il resto è storia. Ho avuto la fortuna di essere coinvolto in quel momento in un commento perché questo è stato il momento in cui è stata formata una squadra di commenti regionali e io sono stato scelto per farne parte.

11 Eri anche un amministratore di tutto rispetto e alla fine assumi le redini come presidente di Selectors. Questo era qualcosa a cui aspiravi?

Mai nei miei sogni più sfrenati pensavo che sarei mai stato un selezionatore per le Barbados perché c'era la percezione che questo fosse un ruolo riservato agli ex giocatori delle Indie Occidentali. Nessuno dei panel attuali ha suonato per le Indie Occidentali, ma dubito che troveresti altre 3 persone appassionate.

12 Hai altre ambizioni di cricket in futuro?

Vorrei continuare a servire il cricket delle Barbados e delle Indie Occidentali in qualsiasi capacità che le mie abilità permetteranno fino a quando non avrò più il desiderio. Il cricket è stato determinante in tanti aspetti positivi del mio sviluppo che il mio desiderio è sempre quello di restituire allo sport che è stato gentile con me.

13 Hai avuto una vita molto colorata e una personalità sconfinata. Il libro deve essere una storia da scrivere, quindi è in programma la vita di Hendy Wallace?

È sicuramente scritto mentre parliamo e sono davvero motivato a completarlo perché credo che ci sia una storia da raccontare. È un viaggio che mi ha aiutato a sviluppare e diventare la persona che sono oggi e sono certo che è un percorso che gli altri possono seguire.

     
Vicino