In viaggio verso Barbados?: Visualizza gli ultimi aggiornamenti qui
Prenota un test COVID mobile negli Stati Uniti e in Canada qui

Chiesa parrocchiale di Santa Lucia

Indirizzo:
Mount Gilboa, St. Lucy.
Posizione:
St. Lucy
Telefono:

Situato sulla cuspide di una delle autostrade delle Barbados, funge da punto di riferimento popolare a St. Lucy poiché il suo notevole tetto rosso ti saluta da almeno un centinaio di metri di distanza in qualsiasi direzione. Questa chiesa è una delle prime sei chiese parrocchiali da stabilire sull'isola e ha un passato terribile. Costruito originariamente nel 1627, l'edificio che ospita la chiesa ha dovuto essere ricostruito quattro volte nel corso degli anni nel 1627, 1741, 1780 e 1831, tutte a seguito del passaggio di uragani distruttivi. Nonostante la rovina subita, alcuni attributi hanno e continuano a sopravvivere fino ad oggi come il fonte battesimale originale inscritto dato alla chiesa nel 1747.

L'attuale chiesa fu costruita nel 1837 e oggi si erge ancora orgogliosa, le sue pareti bianche un netto contrasto tra un cimitero di monumenti commemorativi e lapidi sbiaditi. Molti di questi monumenti commemorativi in marmo, cemento e pietra corallina hanno centinaia di anni, risalgono al XVII e XVIII secolo e portano i loro recinti originali in ferro.

I sentieri che si snodano tra questi monumenti storici sono tutti diretti alla chiesa statuaria, il cui ingresso è racchiuso da un bel campanile. Questa caratteristica architettonica di influenza georgiana è tipica delle numerose denominazioni anglicane dell'isola e incornicia alte porte in legno ad arco che fungono da ingresso principale della chiesa. Se sei fortunato, puoi aprire queste porte per rivelare la bellezza di un ulteriore design di ispirazione georgiana e vedere la finestra di vetro colorato raffigurante la crocifissione che funge da punto focale sopra l'altare. Questo mosaico è fatto di un bellissimo vetro rosso, verde, blu e giallo ed è brillante alla luce naturale. È sottotitolato dalle parole di Apocalisse 1:18 che confina con il murale ad arco.

"Io sono Colui che vive, ed era morto, ed ecco, io sono vivo per sempre ..."

All'interno della chiesa c'è un soffitto alto e curvo che è un'altra caratteristica dell'impronta georgiana nel suo design, ma c'è anche molto altro da vedere; compresa la croce di ottone vecchia di oltre cento anni donata alla chiesa nel 1901, la targa che elenca i trentadue Rettori che hanno servito la chiesa in oltre 300 anni della sua esistenza. Anche sul sito è un organo tradizionale con canne alte fino al soffitto incluse. La chiesa è ampia e come una delle più grandi chiese anglicane dell'isola, può ospitare settecentocinquanta persone messe insieme, al piano terra e nel balcone sovrastante, che avvolge tre lati della chiesa.

Le porte laterali degli edifici mantengono lo stesso design ad arco dell'ingresso principale e l'uscita sul sagrato, oltre il muro della chiesa splendidamente esposto alle intemperie e scolpito. Questo muro racchiude la chiesa e il suo cimitero, con l'aiuto della palma imponente e di altri alberi sempreverdi che mantengono l'edificio e il terreno freschi e ben ombreggiati per tutto il giorno. Oltre al culto, questa bellezza regale è anche un popolare punto di incontro la domenica sera per le persone che vivono e attraversano la parrocchia di Santa Lucia.