Costruire una Barbados più verde

Costruire una Barbados più verde

Hai mai desiderato tuffarti in quella brochure patinata? Vivi il paradiso tropicale mostrato? Forse puoi semplicemente assaporare il sale sulla tua lingua, gli occhi chiusi nel tuo costume da bagno mentre ti rilassi all'ombra di una palma, o forse preferisci stare in un hotel di lusso e sorseggiare daiquiri alla fragola e martini? Purtroppo le vacanze possono mettere a dura prova le risorse naturali, l'economia e le persone della destinazione ospitante. Fortunatamente, Barbados si è impegnata in pratiche di turismo sostenibile fin dagli anni '90, introducendo misure legislative e commerciali per garantire che i visitatori siano i benvenuti a godersi la nostra isola con il minimo danno al nostro ambiente, alle persone e all'economia.

Il turismo sostenibile è una forma alternativa di turismo che non danneggia la cultura dell'ambiente o l'economia ma lavora in armonia con essa. Il turismo può causare degrado ecologico, perdita del patrimonio culturale e dipendenza. Il turismo sostenibile ha lo scopo di avvantaggiare la destinazione ospitante più di quanto non la distrugga. In Barbados, il turismo rappresenta oltre il quaranta per cento del nostro PIL ed è il più grande datore di lavoro nel settore privato (qui sono impiegate oltre ventiseimila persone). Va da sé che il settore su cui molti di noi si affidano dovrebbe essere protetto. Pertanto, dovremmo richiedere che tutte le attività turistiche, siano esse basate su affari, vacanze, avventura o altro, siano responsabili nei confronti dell'ambiente.


David Comissong, un sostenitore del CARICOM delle Barbados, ha deciso di sostenere la necessità che i paesi caraibici diventino ecologici nel 2019. Un obiettivo chiave è il settore alberghiero: secondo Comissong un hotel sostenibile è un hotel che impiega lavoratori locali, ha un sistema di input alimentare locale ed è localmente Di proprietà. Ha anche insistito sul fatto che gli hotel dovrebbero presentare arte, artigianato e mobili locali fornendo opportunità per artisti e intrattenitori locali, sviluppando la cucina nazionale e utilizzando fonti di energia solare e fotovoltaica. Questo crea un pacchetto turistico più olistico, che consente alle Barbados di offrire più di mare, sole e sabbia! Ha anche menzionato il trasporto locale, l'assistenza ai venditori di artigianato e ai venditori sulla spiaggia, la conservazione dell'approvvigionamento idrico locale catturando e utilizzando l'acqua piovana dell'hotel e incoraggiando i visitatori a dedicarsi all'intera isola. In questo modo, la comunità locale ne beneficia molto di più!

Come risultato di questo e di molti altri sforzi, quando ti imbarchi per i tuoi viaggi molti hotel hanno un'opzione "soggiorno verde" in cui i visitatori possono scegliere di riutilizzare lenzuola, bottiglie di shampoo e altro ancora. Gli hotel possono anche offrire pasti più piccoli per ridurre gli sprechi alimentari, fornire contenitori riutilizzabili per il cibo e stanno eliminando la plastica monouso come cannucce, bottiglie d'acqua e contenitori per shampoo. Hanno anche optato per l'installazione di luci a LED che è più efficiente dal punto di vista energetico a un costo inferiore.


Uno di questi hotel è l' Eco Lifestyle and Lodge situato sulla costa orientale dell'isola, in particolare nel villaggio di Bathsheba. Impegnati a ridurre la loro impronta di carbonio sulla terra, i proprietari Kyle e Maryam si concentrano sulla creazione di un'esperienza consapevole e di benessere per il vostro soggiorno. Rilassati nella loro posizione in riva al mare, annidata nell'accogliente villaggio di Bathsheba e dondolati su un'amaca bianca mentre guardi il tramonto sulla costa orientale. Hanno ristrutturato la loro villa per riflettere più pienamente il loro stile di vita consapevole, concentrandosi su un approccio più naturale. Con ottime recensioni dalla sua riapertura nel 2018, Kyle e Maryam hanno aggiornato i loro menu per includere cucina locale di mare e cibo proveniente da fattorie innovative.


I ristoranti sono anche interessati al turismo culinario sostenibile anche a scapito dell'acquisto di contenitori alternativi; la maggior parte delle aziende ora usa sacchetti di carta o invita i clienti a portare i propri. Nel maggio 2009 i membri del Future Centre Trust (un'organizzazione locale senza scopo di lucro) hanno collaborato con funzionari governativi per introdurre standard per attività più ecologiche. Le componenti chiave erano: riduzione e riciclaggio dei rifiuti, risparmio energetico ed energie rinnovabili. Alcune aziende optano per fonti di energia alternative, piuttosto che Barbados Light and Power che importa combustibili fossili per alimentare l'isola. Le imprese locali sono anche interessate al controllo e alla gestione dell'inquinamento e alla conservazione dell'acqua. Sono esortati a valutare le loro pratiche di utilizzo dell'acqua e ad impegnarsi nella conservazione il più possibile, soprattutto considerando che Barbados è un'isola con scarsità d'acqua. Nel marzo 2010 la British High Commission è stata la prima organizzazione a ricevere il premio Green Business. Ciò è avvenuto attraverso il programma GBB che offre un programma locale di imprese verdi e tenta anche di facilitare la creazione di un'economia, prodotti e servizi verdi. Questo percorso crea nuove opportunità di business per i locali per fornire prodotti e competenze rispettose dell'ambiente.


Barbados sostiene anche questo spostamento del turismo sostenibile attraverso mezzi legislativi. Ad aprile 2020, Barbados ha approvato un'altra misura sul divieto di plastica monouso; un disegno di legge introdotto e approvato nel 2018. Le materie plastiche monouso includono cannucce, contenitori di polistirolo, sacchetti di plastica, tazze e piatti per uova. Queste misure legislative mirano a spostare le Barbados verso un'economia verde senza plastica. La prima parte della normativa è entrata in vigore il 1° aprile 2018 e ha vietato l'importazione di plastica monouso. La fase 2, a partire dal 1 luglio 2018, ha interrotto la vendita e la distribuzione di queste materie plastiche. Infine, a partire da aprile 2020, è stato posto un divieto sui sacchetti di plastica a base di benzina, esclusi quelli utilizzati per prodotti farmaceutici, prodotti per l'igiene e alimenti.


Le Barbados sono così impegnate per la terra che abbiamo l'obiettivo di essere prive di plastica e al cento per cento verdi e a zero emissioni di carbonio entro il 2030. Per garantire che queste iniziative ricevano sufficiente attenzione è stato istituito un ministero degli affari marittimi e della Blue Economy. Nelle parole del nostro governatore generale, il ministero è: "incaricato di preservare le coste delle Barbados, il nostro ambiente marino, la salute delle nostre barriere coralline e gli habitat delle nostre piante e animali marini".

Speriamo che tu sia ancora entusiasta di tuffarti a capofitto in quella brochure che mostra acque cristalline, tramonti dorati e sabbia calda, tenendo a mente i modi per goderti il tuo soggiorno e preservare l'ambiente! Barbados semplifica questo processo attraverso la nostra legislazione e l'attenzione culturale sulla creazione di un prodotto turistico sostenibile che includa cibo, intrattenimento, arte e trasporti locali. Prenota oggi il tuo soggiorno con Eco Lifestyle Lodge o altri hotel sostenibili!







Esplora le storie dell'isola

Vivi Barbados a modo tuo! Tour dell'isola di lusso, avventure ecologiche, fine settimana gastronomici, scoperte storiche, impegni artistici, imprese oceaniche e "spa-cationi" possono essere trovati nelle categorie seguenti. Da dove inizierai?