In viaggio verso Barbados?: Visualizza gli ultimi aggiornamenti qui
Prenota un test COVID mobile negli Stati Uniti e in Canada qui
La storia del rum inizia alle Barbados, il luogo di nascita del rum

La storia del rum inizia alle Barbados, il luogo di nascita del rum

Le Barbados, la minuscola isola paradisiaca dei Caraibi, hanno regalato al mondo molti doni significativi e memorabili. La leggenda del cricket da record Sir Gary Sobers e Rihanna, musicista internazionale e magnate degli affari vengono subito in mente. Tuttavia, molti elogi vanno fatti anche all'isola per aver dato vita a quella soddisfazione liquida chiamata rum. La storia del rum delle Barbados, della produzione di rum e del suo commercio, è strettamente intrecciata con la storia dell'isola caraibica. Per comprendere appieno il rapporto, volteremo le pagine del tempo indietro al 17 ° secolo quando gli inglesi arrivarono sull'isola.

Nel 1625, il capitano Powell si imbatté nelle Barbados durante i suoi viaggi per il mondo e si rese conto che le Barbados sarebbero state una preziosa aggiunta all'Impero britannico. Il fratello del Capitano, insieme a 80 membri dell'equipaggio e 10 schiavi tornò sull'isola e la rivendicò in nome di re Giacomo I nel 1627. Oggi, c'è un monumento a Holetown St. James, vicino al sito in cui sbarcarono gli inglesi, che commemorano l'evento storico.


Storia del rum  

Inizialmente, i primi coloni inglesi credevano che l'isola avesse le condizioni ideali per coltivare colture come tabacco e cotone; tuttavia, ciò si è rivelato infruttuoso. In un continuo sforzo per utilizzare l'isola di Barbados come un paradiso agricolo, gli inglesi si sono rivolti alle loro controparti olandesi, che avevano compiuto significativi sviluppi iniziali nella propagazione della canna da zucchero. Così, nel 1637, le piante di canna da zucchero arrivarono sull'isola dalla colonia olandese del Brasile e poi fu riconosciuto che Barbados e la canna da zucchero erano un abbinamento perfetto. La produzione di canna da zucchero divenne il fulcro dell'isola poiché divenne evidente che il suo sottoprodotto, lo zucchero, era una merce altamente redditizia. Con l'ulteriore aiuto degli ebrei con la loro tecnologia dei mulini a vento, le Barbados stavano per diventare un colosso nel commercio della canna da zucchero.


Il Barbados Rum, tuttavia, non ha partecipato alla rapida ascesa alla popolarità e ai ritorni economici caratteristici della canna da zucchero. Prima del boom dello zucchero, la produzione di rum Barbados era su scala microscopica e non sofisticata. Questa produzione era esclusivamente per il consumo locale tra i piantatori che le avevano dato il nome di "Kill-Devil". Dal titolo minaccioso, si può concludere che la bevanda non era così raffinata e dell'alta qualità che è ora. servì allo scopo di una rapida intossicazione, che portò alla sua crescente popolarità. Nel tempo, i progressi nella raffinatezza e nella produzione, nonché l'aumento della domanda, portarono alla nascita dell'industria del rum delle Barbados.



Il processo

Il processo di trasformazione della canna da zucchero in rum delle Barbados inizia con la raccolta della canna da zucchero, un processo rivoluzionario, che successivamente ha anche alimentato la famigerata tratta degli schiavi. La canna raccolta è stata poi macinata utilizzando la tecnologia dei mulini a vento introdotta dagli ebrei sull'isola. Questo metodo aveva lo scopo di estrarre il succo dolce. Il succo ha poi subito un processo di ebollizione per formare lo zucchero. Il rifiuto o la sostanza rimasta dopo l'ebollizione è ciò che è noto come melassa: una sostanza densa e scura che è l'ingrediente principale nel processo di produzione del rum. Vale la pena notare che su alcune isole, in particolare quelle delle Indie occidentali francesi, il rum viene prodotto direttamente dal succo di canna da zucchero.

Tuttavia, nelle Barbados e nella maggior parte degli altri paesi produttori di rum, viene utilizzato il metodo che prevede la melassa. Alla melassa viene aggiunta acqua e se fai un tour delle strutture del Mount Gay, troverai il primo e unico pozzo d'acqua scavato nel 1700. Poi avviene la magia, gli zuccheri nella melassa si trasformano in alcol durante il processo di fermentazione. Viene quindi distillato utilizzando metodi tenuti vicino alle casse dei proprietari. Successivamente viene posto in botti di rovere per l'invecchiamento e la distribuzione.



Prima dell'inizio del XVIII secolo, la storia del rum si basava vagamente su prove aneddotiche e folclore. Tuttavia, i record hanno collocato la creazione della prima distilleria di rum nell'anno 1703. Era di proprietà e gestita da Mount Gay, rendendola ufficialmente la più antica distilleria di rum commerciale del mondo. Per tutto il XVIII secolo, il commercio del rum fu dominato e perfezionato dalle Barbados. L'arte di prendere il sottoprodotto, la melassa, e trasformarla in oro liquido si era dimostrata altamente redditizia. Mount Gay si era affermato come il leader e il primo a commercializzare questo processo. Originariamente chiamata Mount Gilboa, la distilleria fu infine ribattezzata Mount Gay in onore di Sir John Gay Alleyne che fu assunto per gestire e far avanzare il processo di distillazione nell'era successiva. Ha avuto così tanto successo nel suo lavoro che i proprietari hanno ritenuto opportuno che il suo nome e la sua eredità continuassero a vivere.


Dal XVIII secolo ad oggi, le Barbados hanno regnato sovrane nel settore del rum. Ciò è evidente dalle taverne in riva al mare e dai negozi di rum dell'isola, dove i marinai venivano da tutto il mondo in cerca di fortuna e di un buon drink. Nei bar degli hotel e nei ristoranti raffinati, il rum è rimasto nella lista delle bevande imperdibili, sia in un cocktail che direttamente dalla bottiglia. Lo scrigno di ambiti premi globali è una testimonianza della grandezza del rum Barbados; creato, sviluppato e perfezionato proprio qui alle Barbados.


Punti interessanti da discutere davanti a un bicchiere di rum


Si dice che anche il nome "Rum" abbia le sue origini proprio qui alle Barbados. Nelle taverne della città di Bridgetown, la capitale delle Barbados, i marinai si abbandonavano al liquido, rendendo la vita un'esuberanza rumorosa e incontrollabile. Inoltre, è stato anche suggerito che la parola potrebbe aver avuto origine da "Rumbullion", una bevanda a base di gambi di canna da zucchero bollenti. È interessante notare che il nome rum era noto e in uso nel 17 ° secolo. Nel 1654 il tribunale generale del Connecticut ordinò la confisca di "qualunque liquore delle Barbados, comunemente chiamato rum," kill devil "e simili. Questa è stata seguita da una decisione del Tribunale del Massachusetts di bandire la vendita di liquori forti. Il rum delle Barbados aveva chiaramente una reputazione ben oltre le coste della minuscola isola e queste storie dimostrano l'eredità del suo posto tra i più grandi spiriti alcolici del mondo.




Esplora le storie dell'isola

Vivi Barbados a modo tuo! Tour dell'isola di lusso, avventure ecologiche, fine settimana gastronomici, scoperte storiche, impegni artistici, imprese oceaniche e "spa-cationi" possono essere trovati nelle categorie seguenti. Da dove inizierai?