In viaggio verso Barbados?: Visualizza gli ultimi aggiornamenti qui
Prenota un test COVID mobile negli Stati Uniti e in Canada qui
https://www.visitbarbados.org/sysimages/ambassador/resized/80881212_2865738910151452_8378766808290689024_n_rsz_13052021045712838.jpg

The Sea Turtle Conservationist

Maestoso, gentile, persino antico. Questi sono alcuni dei termini accattivanti che usiamo per descrivere le tartarughe marine che sono diventate un'attrazione marina preferita per molti visitatori delle Barbados. Sebbene queste descrizioni siano tutte accurate, l'ambientalista Carla Daniel, ambasciatrice delle Barbados, sa che anche queste bellezze sono in pericolo di estinzione.

Per oltre un decennio, Carla ha intensamente sensibilizzato sulla situazione delle tartarughe marine nella sua isola natale, Barbados. In qualità di Direttore della sensibilizzazione e dell'educazione pubblica con il Barbados Sea Turtle Project (BSTP), l'inesorabile passione di Carla per l'ambiente e la vita marina, in particolare, ha contribuito a guidare un movimento nelle Barbados incoraggiando cittadini e visitatori a essere più consapevoli dei più vulnerabili specie che condividono le nostre terre e i nostri mari. Il giovane, ma molto esperto ambientalista crede fermamente che è solo attraverso l'educazione e la consapevolezza che i Caraibi possono raccogliere il successo nei suoi sforzi di conservazione.


La ricchezza di conoscenze di Carla è alimentata sia dal suo ampio background accademico che dalla sua esperienza pratica nel campo. Possiede un Master in Filosofia in Biologia presso l'Università delle Indie Occidentali (UWI), che le ha permesso di effettuare ricerche approfondite sul complesso ecosistema delle Barbados.

Il carisma naturale di Carla, la ricchezza di conoscenza e amore per i suoi amici rettiliani, hanno avuto un profondo impatto sul turismo delle Barbados. È davvero unico il modo in cui la sua passione ha influenzato positivamente anche coloro che in precedenza non avevano familiarità con la sua causa. I volontari internazionali si iscrivono ogni anno per partecipare ai programmi del BSTP, compresi i pattugliamenti sulla spiaggia durante la stagione di nidificazione e il salvataggio delle tartarughe. Ci sono anche molti altri turisti che partecipano a vari sport acquatici e attività marine che intravvedono il lavoro di Carla e ne rimangono subito incuriositi. Mentre apprezza molto l'entusiasmo mostrato dai turisti nella loro interazione con le tartarughe, sottolinea che il ruolo delle tartarughe marine alle Barbados è inestimabile. “Il valore delle tartarughe marine alle Barbados; non ci puoi mettere un importo in dollari ", ha condiviso. “Le tartarughe danno alle Barbados un vantaggio forse rispetto ai paesi concorrenti, dove c'è anche bella sabbia, cultura meravigliosa e buona musica. C'è anche il sole tutto l'anno, ma non hanno l'opportunità di scendere e vedere i piccoli che vanno in mare su una spiaggia, non hanno l'opportunità di vedere le nostre tartarughe ”, ha aggiunto Carla.


Le tartarughe embricate ei loro modelli di nidificazione unici costituiscono un aspetto significativo dell'alto interesse per le offerte di ecoturismo delle Barbados. Tuttavia, per quanto affascinante possa essere per i visitatori vedere queste grandi tartarughe nel loro habitat naturale, ci sono diverse precauzioni che Carla incoraggia i visitatori a tenere a mente. Ciò è particolarmente vero poiché la fase iniziale della stagione di nidificazione delle tartarughe marine coincide con Crop Over, il principale festival culturale delle Barbados che trasforma l'isola, e le spiagge per estensione, in un alveare di eccitazione senza sosta.

Questo impegno per la sua missione è stato evidenziato a livello nazionale nel 2018 dopo che lei ha lanciato un'appassionata appello tramite i social media per fermare un evento che si sarebbe tenuto presso la spiaggia di Drill Hall a St.Michael. Sebbene sia molto comune ospitare eventi sulle numerose spiagge dell'isola, il particolare evento avrebbe avuto un impatto mortale e devastante sulle uova che vengono deposte a circa 50 centimetri sotto la superficie della sabbia. Carla ha spiegato emotivamente al pubblico che mentre è in pieno appoggio a feste e attività del genere, il peso delle tende, l'erezione dei palchi, oltre al costante traffico pedonale sulla riva sarebbe senza dubbio a costo di centinaia di vite. di giovani tartarughe. L'appello di Carla non fu solo sincero, ma anche accurato, e molti membri del pubblico si radunarono dietro di lei. L'evento è stato ricostruito e questa è stata considerata una grande vittoria per l'attivista. Se non fosse stato per gli sforzi di Carla, la perdita dell'habitat marino sarebbe stata inimmaginabile. Come ha detto, "ogni nido è importante".

Attraverso il lavoro di Carla e quello del BSTP, Barbados ha fatto molti progressi e ha stabilito uno standard piuttosto elevato. “Ci sono ancora paesi nella nostra regione che hanno stagioni aperte per le tartarughe. Noi [Barbados] abbiamo una moratoria in vigore dal 1998. Abbiamo una bellissima storia di rispetto del nostro ambiente, mantenendo l'habitat della spiaggia che è così vitale per le tartarughe ".

Sebbene il lavoro di Carla abbia sede qui alle Barbados, la sua portata è stata estesa a paesi a migliaia di chilometri di distanza. Molti dei suoi salvataggi di tartarughe marine vengono registrati e visualizzati da migliaia di persone tramite diverse applicazioni di social media. Gli spettatori sono stupiti dai rischi che è disposta a correre per proteggere l'integrità dei popolari siti di nidificazione e salvare i piccoli vagabondi dai pericoli degli animali selvatici, dalle strade trafficate e da altre forme di negligenza umana. È stata vista ricoperta dal fango delle paludi e dalla polvere e dai detriti dei cantieri, tutto nel tentativo di salvare le tartarughe femmine che sono scese a riva per deporre le uova ma sono rimaste disorientate o intrappolate. Scherza persino sul fatto che alla vigilia di Capodanno 2018, ha ricevuto una chiamata urgente su una tartaruga in pericolo lungo la costa occidentale tramite la hotline 24 ore su 24 di BSTP. Vestita in completo abbigliamento formale per quella che doveva essere una notte di festa, Carla è corsa in spiaggia alla ricerca dello sfortunato rettile, che è stato poi salvato e riportato in acqua in grande stile.

Carla e il suo team di volontari hanno svolto un lavoro straordinario aiutando a limitare le attività in spiaggia comuni ma estremamente dannose che stavano seriamente compromettendo il benessere delle nostre tartarughe. Una di queste abitudini è guidare lungo le spiagge. È vero: una vista ravvicinata delle spiagge delle Barbados, di giorno o di notte, è una delle esperienze più rilassanti e piacevoli che si possano vivere. Ma, come ha più volte sottolineato Carla, il modo per farlo non è attraversare la fragile riva con il tuo veicolo. “Distrugge le nostre spiagge. È orribile ", ha detto. "Per te, è la comodità, ma per le tartarughe marine e altre forme di vita sulla spiaggia, è la vita o la morte." Questa pratica si è rivelata mortale per le tartarughe in quanto il peso dei veicoli porta alla compattazione della sabbia, il che rende quasi impossibile per loro nidificare. Ancora peggio, c'è il rischio di schiacciare le uova già deposte o di trascinare piccoli cuccioli che stanno cercando di dimenarsi e farsi strada verso il mare.

Carla Daniel è una delle principali attiviste per la conservazione nella regione. In pochi anni ha infranto le barriere locali e internazionali nel suo intento di educare e ispirare le persone ad essere più consapevoli delle proprie azioni e del conseguente impatto sull'ambiente. La sua influenza è vista mentre migliaia di persone da tutto il mondo si sintonizzano sui suoi audaci salvataggi delle tartarughe embricate in via di estinzione, e ci sono molti che prenotano voli per Barbados per fare la loro parte nella protezione delle nostre tartarughe e di altre forme di vita marina. Il lavoro di Carla è davvero straordinario, persino eroico, poiché guida la carica per garantire che le Barbados rimangano un paradiso e rifugio per i nostri locali, i visitatori e, naturalmente, le nostre tartarughe.