78°F 25°C
Ti trovi qui

Le case degli schiavi sono un simbolo di Barbados unico nel suo genere

La tradizionale casa degli schiavi Bajan

Le case degli schiavi di Barbados hanno mantenuto il loro carattere di preziosa testimonianza del passato e fanno indissolubilmente parte dell’incantevole paesaggio dell’isola. Come le tradizonali botteghe dei piccoli villaggi, questi edifici rappresentano uno straordinario patrimonio storico e culturale che getta una luce sul periodo coloniale successivo all’abolizione della schiavitù.

Le case degli schiavi sorgevano nelle piantagioni ed erano strutture mobili, poiché spesso i lavoratori dovevano trasferirsi con le loro famiglie, in base alle esigenze del proprietario. Nel corso degli anni, queste costruzioni in legno si sono progressivamente trasformate, prendendo in “prestito” alcuni elementi delle case coloniali signorili e aggiungendovi elementi decorativi. Costruite con orgoglio dai loro abitanti, vantavano ciascuna una propria inconfondibile personalità.

Con il loro fascino, carico di storia e di memorie, le case degli schiavi rappresentano un simbolo barbadiano unico nel suo genere, capace di offrire un’esperienza veramente speciale al visitatore. Un tempo molto diffuse, stanno lentamente sparendo dal paesaggio dell’isola e pertanto sono sorte varie iniziative mirate a preservare quest’importante eredità. In alcune località, come St. Lawrence Gap, il Chattel House Village di Holetown e Tyrol Cot a St. Michael, i quartieri formati dalle case degli schiavi, sono stati preservati e adibiti a sedi di attività commerciali o come attrazioni turistiche. Le case degli schiavi sono “… uno degli aspetti del patrimonio visivo di Barbados. La diversità di usi adattativi delle case degli schiavi permette agli interessati di acquisire una sede di lavoro ad un prezzo molto modico. Si tratta della rinascita della casa degli schiavi, con un’architettura che incarna la storia di un popolo” (H. Fraser: In Evanson, 2012).

Le case degli schiavi forniscono anche l’occasione per un interessante parallelo storico con analoghi edifici nella Carolina del Sud, dove si trasferì progressivamente una parte della classe dominante barbadiana.

     
Chiudi